Vuoi o ripetere la ricerca?
Tweets di @CucciaCercasi

le iniziative

Partecipa alle tante iniziative a favore degli animali nelle città d'Italia ed invita tutti i tuoi amici e parenti!

» Dal 30/07/2013 al 30/07/2013 - Luogo: Tutte le Citta', Tutte le Province, Tutte le Regioni

Obbligo di Legge soccorso animali feriti

Soccorso stradale animali e nuovo Codice della Strada: come procedere? Le nuove disposizioni del Codice della strada prevedono l’istituzione e il ricorso a mezzi di soccorso anche per gli animali feriti negli incidenti,e sanzioni amministrative per chiunque non assicuri un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subito danno. Al comma 1 dell’articolo 177 del decreto legislativo n. 285 del 1992, è stato infatti aggiunto il seguente periodo: ''L’uso dei predetti dispositivi (acustico supplementare di allarme e di segnalazione visiva a luce lampeggiante blu) è altresì consentito ai conducenti delle autoambulanze, dei mezzi di soccorso anche per il recupero degli animali o di vigilanza zoofila, nell’espletamento dei servizi urgenti d’istituto, individuati con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Con il medesimo decreto sono disciplinate le condizioni alle quali il trasporto di un animale in gravi condizioni di salute può essere considerato in stato di necessità, anche se effettuato da privati, nonché la documentazione che deve essere esibita, eventualmente successivamente all'atto di controllo da parte delle autorità di polizia stradale previste all’articolo 12, comma 1''. Mentre, all’articolo 189 del decreto legislativo n. 285 del 1992, è stato invece aggiunto il seguente comma: ''9-bis. L’utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, da cui derivi danno a uno o più animali d’affezione, da reddito o protetti, ha l’obbligo di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subìto il danno. Chiunque non ottempera agli obblighi di cui al periodo precedente è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 389 a euro 1.559. Le persone coinvolte in un incidente con danno a uno o più animali d’affezione, da reddito o protetti devono porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso. Chiunque non ottempera all’obbligo di cui al periodo precedente è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 78 a euro 311''. Con il nuovo Codice della strada viene quindi introdotto l’obbligo per chiunque di fermarsi e soccorrere un animale ferito. Se pertanto si assiste o si è coinvolti in un incidente stradale provocante danni ad animali, che siano di proprietà o meno, o si assiste ad un’omissione di soccorso di animali feriti, dopo aver contattato il Servizio Veterinario della ASL di competenza territoriale al fine di assicurarne un tempestivo intervento di soccorso (in mancanza di un numero di pronto soccorso specifico e pubblico per animali feriti), è opportuno coinvolgere le forze di polizia (Corpo Forestale numero telefonico nazionale 1515, Carabinieri 112, Polizia di Stato 113, Guardia di Finanza 117, Polizie Locali/Municipali/Provinciali chiamando il centralino di Comune o Provincia) e raccogliere il numero più elevato possibile di prove. Al fine della procedibilità nei confronti di coloro che omettono di prestare soccorso ad animali coinvolti negli incidenti stradali, la raccolta di materiale probatorio è fondamentale. Anche elementi che in un primo momento possono risultare superflui e di rilievo secondario, in realtà possono rivelarsi molto utili e di fondamentale importanza per risalire agli autori del reato. In questi casi è pertanto necessario raccogliere quanto più materiale possibile da presentare alle forze dell’ordine perciò si consiglia di: • Annotare il numero di targa dell’autovettura o di altro veicolo • Effettuare riprese video • Scattare fotografie • Raccogliere testimonianze scritte di persone che hanno assistito all’ incidente.